Vai al contenuto pricipale

Il laureato in Management dell'Informazione e della Comunicazione Aziendale è formato per:

  • conoscere i contesti aziendali e la cultura d'impresa
  • avere capacità relazionali e decisionali
  • possedere competenze relative alle nuove tecnologie della comunicazione e dell'informazione aziendale, al change management e al business process reengineering.

Profili professionali principali

Funzione in un contesto di lavoro:
FUNZIONI
L'addetto alla comunicazione esterna conosce il sistema aziendale, gli obiettivi e le politiche aziendali
Collabora col Direttore Marketing al raggiungimento degli obiettivi generali e di gestione aziendale e alla customer satisfaction
Partecipa alla realizzazione delle brochure istituzionali e dei prodotti.
Collabora alla redazione dei piani di comunicazione annuali e nella scelta dei materiali promozionali.

COMPETENZE
Sa utilizzare adeguatamente le tecniche di comunicazione, marketing e pubbliche relazioni.
Possiede una propensione al lavoro in team, una capacità di analisi, di comunicazione e di negoziazione.

Competenze associate alla funzione:
La funzione comunicazione può essere in staff alla direzione o all'interno della direzione marketing e può essere più o meno articolata in funzione della dimensione dell'azienda.

Sbocchi professionali:
Grandi, medie e piccole imprese

Funzione in un contesto di lavoro:
FUNZIONI
L'addetto agli acquisti supporta il Responsabile nella ricerca, selezione e gestione dei fornitori, negozia prezzi di acquisto, termini di consegna e requisiti del prodotto.

COMPETENZE
La funzione è in grado di sviluppare rapporti di partnership con i propri fornitori; di interfacciarsi con molteplici attori all'interno dell'azienda, e all'esterno di essa - fornitori - al fine di identificare soluzioni di acquisto più idonee. Per ricoprire tale ruolo è necessario possedere un'elevata capacità comunicativa e di negoziazione.

Per informazioni dettagliate è possibile consultare il sito http://www.atlantedelleprofessioni.it

Competenze associate alla funzione:
La funzione è in grado di effettuare un'attività di benchmarking globale che permetta di esplorare aree per potenziali attività di riduzione costi.

Sbocchi professionali:
Piccole, medie e grandi aziende di produzione di prodotti o servizi.

 

Funzione in un contesto di lavoro:

FUNZIONI
Il Controller o l'addetto al controllo di gestione è colui che, in tutti i tipi di imprese, consente l'interpretazione e la valutazione dell'attività aziendale.
La funzione si occupa di:
• analizzare la contabilità analitica;
• stendere il rapporto di gestione;
• analizzare documenti e relazioni;
• analizzare e controllare l'andamento economico finanziario.

COMPETENZE
L'addetto al controllo di gestione deve essere in grado sia di impostare il piano dei conti e le procedure amministrative, in coerenza con le norme civilistiche e fiscali, sia di redigere un bilancio e di gestire il software applicativo che permette l'informatizzazione delle procedure contabili e dei modelli di controllo gestionale. Per svolgere questi compiti sono sempre più richiesti sia la conoscenza dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) e SAP (System Application and Products).

E' possibile reperire informazioni più dettagliate sul sito http://www.atlantedelleprofessioni.it

Competenze associate alla funzione:
Il Controller interviene a supporto delle diverse funzioni aziendali, al fine di consentire un reale controllo dell'attività
E' responsabile di tutte quelle attività specifiche che permettono di mantenere costante il monitoraggio della 'performance'. Il risultato tangibile degli obiettivi raggiunti dall'azienda. aziendale, fornendo al management tutti gli elementi necessari per prendere decisioni su eventuali strategie correttive.

Sbocchi professionali:
Imprese medio e grandi
Amministrazioni pubbliche e aziende sanitarie
Società di consulenza

Funzione in un contesto di lavoro:
FUNZIONI
Il Revisore contabile si occupa di controllare e verificare la correttezza formale e sostanziale del bilancio e la sua conformità alle leggi italiane ed internazionali.
Il suo compito è quello di salvaguardare l'affidabilità della comunicazione finanziaria sia verso l'esterno (azionisti, fisco, fornitori, clienti) sia interna (dipendenti, management).

COMPETENZE
Il Revisore contabile è in grado di gestire normative nazionali e internazionali dei sistemi di contabilità e reporting e corporate governance. Possiede le competenze relative a: analisi di bilancio, controllo di gestione, principi di revisione (italiani e internazionali, ad esempio IAS/IFRS, IV Direttiva CEE, ecc.), tecniche di auditing e di sistemi informativi aziendali.

Per esercitare la professione di Revisore Contabile è necessaria l'iscrizione al Registro dei Revisori contabili istituito presso il Ministero della Giustizia.

Competenze associate alla funzione:
Il laureato che intenda intraprendere la professione di Revisore contabile possiede le conoscenze utili ad intraprendere un'attività lavorativa in seno ad una società di revisione in cui iniziare il processo di crescita interna così come previsto dalla gerarchia delle società di revisione.

Sbocchi professionali:
Società di revisione e libera professione

Ultimo aggiornamento: 10/06/2019 10:14
Location: https://saa.campusnet.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!